Utenti registrati online

Nessuno

Numero verde antibullismo

numero verde

Numero verde attivato dalla Prefettura di Ragusa al quale studenti, genitori, insegnanti e altri soggetti interessati, potranno inviare un sms per segnalare episodi di spaccio di sostanze stupefacenti e di bullismo rilevati all'interno a nelle immediate vicinanze delle scuole o nei luoghi abitualmente frequentati dai giovani.

Login



Fumo? No, grazie!

smettere-di-fumare

Sigaretta elettronica

Visite

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi136
mod_vvisit_counterIeri817
mod_vvisit_counterQuesta settimana1694
mod_vvisit_counterUltima settimana5091
mod_vvisit_counterQuesto mese8494
mod_vvisit_counterUltimo mese19305
mod_vvisit_counterTotale1197351

AllVideos Reloaded

Home Eventi
Eventi
Spettacolo in lingua francese
Domenica 12 Marzo 2017 22:17

Anche quest’anno, la classe 5EE del nostro Istituto ha accolto con entusiasmo l’iniziativa di France Théâtre, promossa dalla nostra docente di francese, prof.ssa G. Nobile. La compagnia ha rappresentato Calais-Bastille, uno spettacolo teatrale e musicale motivante e divertente che mette in luce un momento storico fondamentale per l’Europa legandolo all’attualità. Il musical, recitato da giovani attori professionisti madrelingua, tratta un tema attualissimo, quello dell'immigrazione clandestina e dell’accoglienza degli immigrati che, partiti dai paesi africani per sfuggire alla miseria, alla povertà e alle guerre, attraversano in condizioni “disumane” il Mediterraneo avendo un unico obiettivo: raggiungere l’Inghilterra, dove è più semplice ottenere il permesso di soggiorno. Prima di attraversare la Manica, la sosta obbligata a Calais, nella “Jungle de Calais”, che ospita migliaia di migranti.

Qui, “les sans papiers” vivono in condizioni precarie e sono “sans espoir”. Qual è “le trait-d’union” che accomuna Calais con la Bastille? La Rivoluzione francese. La Bastille è il luogo simbolico della Rivoluzione Francese e della coscienza collettiva, e quando il popolo francese decise di assalirla, si è appropriato della libertà. Risolvere i problemi della “jungle” di Calais significherebbe mettere i migranti nella condizione di non essere “sans espoir” e di riprendere a sperare. Come raggiungere questo obiettivo? Seguire scrupolosamente, come una ricetta di cucina, gli eventi della Rivoluzione francese che ha avuto come esito il raggiungimento dei principi di “liberté, égalité, fraternité”. Ispirati da ciò, danno vita ad una nuova rivoluzione, quella dei migranti, i quali, aiutati dai Francesi, vogliono appropriarsi dei loro diritti e della libertà, come i loro predecessori. Questa volta però la rivoluzione viene fatta attraverso l'uso dei mass-media, che possono “svegliare le coscienze “. Lo spettacolo si è concluso con la canzone On écrit sur les murs, che tutta la platea ha cantato, un messaggio d’amore e di solidarietà. Spettacolo emozionante, una crescita linguistica, culturale e anche un insegnamento di vita. Un grazie a coloro che ci hanno permesso di fare questa esperienza.

La classe 5EE

Franc 1

 
Progetto ISAAC

Gli alunni della classe terza, quarta e quinta della sezione Agraria hanno partecipato al progetto europeo ISAAC (691875), Increasing Social Awareness and ACceptance of biogas and biomethane, ovvero aumentare la consapevolezza e l’accettazione sociale su biogas e biometano. Obiettivo principale del progetto è l’abbattimento delle barriere non tecnologiche per la produzione e l’uso del biogas e del biometano della fermentazione di biomasse in assenza di ossigeno, utilizzando scarti di produzione agricole e della filiera agroalimentare oltre che dalla frazione organica dei rifiuti urbani. Il Progetto coinvolge vari regioni italiane, con incontri nelle scuole, workshop con agricoltori e amministrazioni pubbliche. In Sicilia la scelta è stata indirizzata sulla Provincia di Ragusa per la sua forte vocazione agricola, zootecnica e agroalimentare. I docenti di materie professionali dell’Istituto Professionale Servizi per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale “Principi Grimaldi” di MODICA, particolarmente sensibili a tematiche ambientali di così grande spessore, hanno accolto positivamente la proposta di coinvolgere gli studenti della Sezione Agraria al Progetto europeo di che trattasi, al fine di diffondere informazioni equilibrate, sulla base dei benefici ambientali ed economici. L’attività si è svolta con una lezione, tenuta da esperti di Legambiente, sui cambiamenti climatici e l’uso delle fonti rinnovabili in agricoltura. Successivamente gli esperti del CNR hanno effettuato una dimostrazione pratica ed una dettagliata spiegazione della produzione di biogas tramite prototipo di digestore anaerobico.

Prof. C. Gerratana

20170310 105402-min

 
Alternanza scuola-lavoro alla Corfilac
Scritto da Domenico Ternullo   
Giovedì 02 Marzo 2017 08:44

Gli alunni della classe V dell’Istituto Professionale Servizi per l’Agricoltura e lo sviluppo Rurale “PRINCIPI GRIMALDI” di Modica dal 20 al 23 Febbraio, accompagnati dal tutor scolastico Prof. Concetto Gerratana, hanno svolto, grazie alla collaborazione fra le due Istituzioni, parte delle ore dell’alternanza scuola–lavoro presso la struttura del CoRFiLaC (Consorzio Ricerca Filiera Lattiero-Casearia) di Ragusa, quest'ultimo, ente che si occupa da anni della valorizzazione del patrimonio caseario siciliano e della certificazione dei formaggi a Denominazione di Origine Protetta, Ragusano e Pecorino Siciliano.

L’attività svolta dai ragazzi si è basata sulle conoscenze teoriche e pratiche dell’attività di trasformazione del latte in formaggio, sia per quanto riguarda le paste filate che le paste pressate.

Quattro giorni intensi, con lezioni inerenti i parametri qualitativi del latte e tecnologia casearia, la classificazione dei formaggi e l’utilizzo di strumenti per la determinazione analitica dei parametri del latte.

Una parte delle lezioni ha riguardato anche i processi di stagionatura e la parte relativa al lavoro dell’affinatore del formaggio.

Utile per gli studenti è stato il bagaglio di conoscenze maturate durante gli anni di studio e questa esperienza ha permesso loro di potere praticamente mettere le “mani in pasta” ed acquisire le tecniche necessarie per una eventuale attività da intraprendere dopo il conseguimento del diploma scolastico.

Il commento della classe: il completamento di un percorso, quello che riguarda la trasformazione del latte, iniziato in classe e completato alla CoRFiLaC.

Un ringraziamento particolare va al Presidente Prof. Salvatore Barbagallo, ai tecnici Giuseppe Schembari, Giovanni Tumino e Antonio Di Falco e al personale amministrativo nella persona della Sig.ra Patrizia Campo.

Prof. Concetto Gerratana

Clicca sulla foto per vedere la gallery

 
Giornata della Memoria 2017

Il nostro “Mai più”

La commemorazione della Shoah secondo il "P.pi Grimaldi" di Modica.

Venerdì 3 febbraio scorso, le classi terze, quarte e quinte del nostro Istituto hanno partecipato ad un incontro voluto fortemente dagli stessi allievi, i quali hanno voluto commemorare la Shoah con un momento formativo molto diverso dal solito. L’incontro è stato introdotto da una breve digressione storica su un campo di concentramento femminile spesso sconosciuto: Ravensbruck, un posto dove donne di ogni nazionalità hanno dovuto subire le più agghiaccianti violenze che mai si possano esercitare su un essere umano. Alcuni allievi si sono prodigati, anzi oserei dire dilettati, nella lettura di testi tratti da testimonianze dirette dal campo femminile di Ravensbruck, poesie e brani che gli allievi hanno interpretato con molta passione e sentimento. Subito dopo una classe ha curato, con la guida della prof.ssa M.C. Mallia, un’interessante attualizzazione con un filmato sui muri dell’intolleranza che, soprattutto oggi in tutto il mondo, si stanno innalzando a dismisura, dividendo popoli e ideologie. La banalità del male di H.Arendt ha ispirato testi e poesie che infine si sono conclusi col MAI PIÙ che i nostri ragazzi hanno voluto abbracciare, soprattutto attraverso le parole del rappresentante E. Brullo, incitamento che ha davvero suscitato parecchie emozioni tra i presenti. L’appuntamento si è concluso con la visione del film di L. Doillon Il viaggio di Fanny, una storia davvero avvincente di coraggio e amore per la libertà, che ha molto emozionato e commosso. Un incontro molto costruttivo, soprattutto perché i nostri allievi hanno avuto uno spazio concreto dove poter esternare le loro riflessioni e i loro giudizi critici su temi molto sentiti come la guerra, l’intolleranza e il razzismo di oggi.

Prof.ssa Graziana Iurato

20170203 093041

 
L'allevamento ovino in provincia di Ragusa
Mercoledì 18 Gennaio 2017 15:02

L'allevamento ovino in provincia di Ragusa (a.s. 2014/15)

Video realizzato dal prof.Ignazio Manenti

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 14

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie essenziali per il funzionamento del sito sono già stati impostati. Grazie. Per avere maggiori informazioni sui cookie e su come eliminarli visita Cosa sono i cookie.

Accetto i cookie di questo sito.